I pro e i contro di un e-commerce

0
447
ecommerce

Oggi si sente sempre di più parlare di e-commerce. Infatti, il commercio elettronico è uno dei più interessanti per coloro che vogliono avviare un’attività imprenditoriale seguendo un trend che al momento si presenta tra i più promettenti e proficui.

Avviare un e-commerce, comprando un hosting e un dominio su siti come Register.it, e costruendo il proprio negozio può sembrare semplice. Ma prima di inserirsi in questo mercato è necessario comprendere prima di tutto cosa si vuole vendere, su quale target puntare, come attuare il progetto di web marketing.

Infatti, si possono aprire diverse due tipologie di e-commerce: B2B Business to Business, Business to Consumer. Il B2B prevede uno scambio di beni o servizi tra imprese e imprese; Business to Consumer prevede, invece, la vendita di prodotti come servizi o beni ai consumatori finali.

Qualunque sia il tuo progetto, il consiglio è di valutare con attenzione quali sono i vantaggi e i potenziali svantaggi di un e-commerce.

Quali sono i vantaggi di un e-commerce

Quali sono i principali vantaggi di un e-commerce? Dopo che è scoppiata la pandemia la maggior parte delle persone, non potendo uscire, hanno iniziato a fare sempre più spesso acquisti online. Oggi questo metodo di vendita online si è dunque consolidato, offrendo ottime possibilità sia nel settore B2B sia nel settore B2C.

Avviare un progetto di e-commerce online, dunque, potrebbe essere davvero molto remunerativo, ma bisogna lavorare bene sia in termini di conoscenza del prodotto sia in promozione dello stesso online.

Uno dei principali vantaggi dell’e-commerce è la possibilità di ottenere un ampio pubblico e di poter operare non solo localmente ma anche in tutta Italia e perfino all’estero. Dunque, anche con un’unica sede in Italia, è possibile facilmente gestire la vendita di prodotti e servizi a livello nazionale e internazionale.

Un altro vantaggio dell’e-commerce, rispetto a un negozio fisico, è dato dal fatto che si possono fare delle vendite 24/24 senza doverle seguire fisicamente. Infatti, gli utenti fanno acquisti in qualunque momento e a qualunque orario. Aumentando potenzialmente le proprie vendite giornaliere.

Infine, si possono sfruttare il marketing, la pubblicità e i social network per raggiungere un gran numero di utenti da fidelizzare per riuscire a ottenere delle vendite costanti nel tempo e dei fan pronti a seguire anche eventuali novità in termini di prodotti e servizi.

Quali sono gli svantaggi di un’e-commerce?

Aprire un e-commerce non è semplice come spesso viene prospettato. Mettere in piedi un negozio per la vendita di prodotti o servizi online è come aprire un’attività su strada o fisica. Aprire un e-commerce richiede: l’apertura di una P.IVA; l’apertura di un’eventuale società; presentare la SCIA per ottenere l’autorizzazione dal Comune; iscrizione alla Camera di Commercio nel Registro delle imprese.

Tutta questa procedura è necessaria che si effettua una vendita di prodotti e servizi commerciali sia nel B2B sia nel B2C. Inoltre, se ci si occupa della vendita di prodotti fisici, specie se alimentari, è necessario avere un magazzino dedicato che rispetti tutte le norme dell’HCCP.

Vendere online richiede molta esperienza. Bisogna essere in grado o comunque assumere persone o freelance che si occupino della: creazione dell’e-commerce, gestione del sito, progetto di marketing online, social media manager ecc…

La costruzione del sito e l’appoggiarsi alle varie figure professionali necessarie per riuscire a gestire e far crescere l’e-commerce richiede un capitale davvero molto oneroso solo per iniziare la propria attività. Per quanto riguarda, invece, il mantenimento dell’e-commerce anche in questo campo è necessario valutare un budget mensile medio alto. In quanto, si deve investire molto in pubblicità soprattutto all’inizio al fine di crearsi un ampio pubblico.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui